METALLO LIQUIDO: l'heavy metal come forgia

METALLO LIQUIDO: l'heavy metal come forgia


di AA. VV.



Nuovo

In questo volume collettaneo, dal titolo “Metallo liquido: l’heavy metal come forgia”, gli autori  affrontano da prospettive diverse ma convergenti il significato profondo del metal come fucina di trasformazione individuale e collettiva.

pp. 64, f.to 14x10,5 cm

ISBN 978-6201-206-5

Maggiori dettagli

62 Articoli

5,00 €

Che il metal sia ben più di un genere musicale o di una sottocultura giovanile è testimoniato dalla sua longevità, dal suo abbracciare generazioni e fasce di età – dalla pre-adolescenza alla terza età –, e dalla cura che alcuni artisti hanno nei decenni dedicato, oltre che alla ricerca musicale, a testi, concept, artwork e a tutto ciò che per una band può essere definito meta-musicale o, forse, oltre-musicale.

In questo volume collettaneo, secondo taschinabile della collana Europa, dal titolo “Metallo liquido: l’heavy metal come forgia”, gli autori  affrontano da prospettive diverse ma convergenti il significato profondo del Metal come fucina di trasformazione individuale e collettiva.

Aggregazione, crescita, ricerca spirituale, desiderio di espressione e affermazione: questi, gli elementi affrontati nel secondo taschinabile della collana Europa. Exempla di esperienze individuali che intendiamo condividere, per il valore del loro portato culturale, estetico ed etico.

Scheda tecnica

Collana Europa, sotto l’egida dell’associazione Gentes O.N.L.U.S.

Taschinabile formato A6, spillato, con angoli arrotondati, pp. 64.

Leggi un estratto dal volume!

Guarda il video di presentazione!

Indice:

Il patto: sottocultura e identità nel metal.
(Christofer Johnsson, Therion)

«Nelle tempeste d’acciaio».
(Alessandro Vivaldi, storico delle religioni e musicologo)

«Meglio criminale che borghese»?
Dalla provocazione jüngeriana al metal estremo.
(Andrea Anselmo, Movimento d’Avanguardia Ermetico)

L’heavy metal «al di là del bene e del male».
(Vincenzo Notaro, Orchestra Esteh)

La forgia: l’elisir del rumore.
(Alberto Brandi, storico delle religioni e delle idee)

 

OK Questo sito sfrutta i cookie per salvataggio dati