Reduced price! Racconti della periferia

Racconti della periferia


di Collettivo Extravesuviana


978-88-6201-185-3


New

prefazione di Francesco di Bella (24 Grana)
postfazione di Alfonso Amendola (MARTE)

Formato: 14,5x23 cm

«Fuori dal mondo. Fuori dall'europa. Fuori dall'Italia. Fuori da Napoli, lontani dal Vesuvio. Provinciali, periferici. Extravesuviani».

More details

10 Items

12,00 €

15,00 €

-20%

«Fuori dal mondo. Fuori dall'europa. Fuori dall'Italia. Fuori da Napoli, lontani dal Vesuvio. Provinciali, periferici. Extravesuviani».

Questa pubblicazione raccoglie il primo anno di vita del progetto Extravesuviana. Vite marginali mai raccontate, che esplodono con tutta la loro (pre)potenza. Non ci racconta nessuno, e allora ci raccontiamo noi!
Racconti dalla periferia è il microfono di una enorme manifestazione di umanità, e racconta questa terra ai confini che, sia chiaro, non è la terra che si calpesta per andare a lavorare in un call-center o che si percorre per arrivare all'università o tornare a casa. La terra che raccontiamo è la periferia dell'esistente, non è un luogo.
Racconti dalla periferia raccoglie le periferie per farle rivivere e incontrare.

Il Collettivo Extravesuviana è una famiglia che cresce e si allarga quotidianamente e che, ad oggi, annovera circa 45 autori che lasciano segno del loro passaggio al blog www.extravesuviana.wordpress.com.
Quegli autori siete tutti voi, con le vostre paure e le vostre speranze, opposte fieramente all'apatia che le circonda. voi e i vostri sogni, motore pulsante di qualunque rivoluzione. Extravesuviana è solo un mezzo di locomozione messo a disposizione del vostro essere, in modo che possa viaggiare e farsi conoscere. E conoscere, a sua volta. Conoscere tanti nuovi percorsi, quanti sono i viaggi che la vita di ciascuno rappresenta. Perché essere extravesuviani non è un fattore geografico; si può essere al di fuori di qualcosa stando ovunque.

«Siamo alieni e siamo migliaia. abbiamo già invaso questi luoghi e quando ci incontreremo ci riprenderemo questa terra».